100% controllo di autenticità
Contro le contraffazioni
Pagamento sicuro
Contattaci: (040) 30 70 19 08

Come possiamo aiutarti?

Contattaci: (040) 30 70 19 08
Siamo a tua disposizione lu-ve 9.30 – 18.00 .
Parliamo italiano, inglese e tedesco

Scrivici un messaggio
Service

Moda Vivienne Westwood usata in qualità autenticata

Vivienne Westwood di seconda mano

Personalità vulcanica e desiderio di sperimentazione, senza tabù: l’abbigliamento, le scarpe, gli accessori Vivienne Westwood sono provocatori e dotati di un’allure unica, proprio come la loro creatrice che ha seguito le proprie passioni incarnandole in creazioni originali. Scoprine di più sulla marca Vivienne Westwood >

Vivienne Westwood Seconda mano

Personalità e stile in libera sperimentazione

La storica maison venne fondata da Vivienne Isabel Swire – stilista inglese nata l’8 aprile del 1941 nel Derbyshire. Quando nel 1958 la famiglia si trasferisce a Londra, Vivienne studia moda e oreficeria ma presto abbandona gli studi per insegnare e vendere i propri gioielli al mercatino di Portobello Road. Si sposa nel 1962 con Derek Westwood in un abito confezionato da sé; da lui prenderà il cognome e gli darà un figlio, Benjamin. Il matrimonio ha fine per la relazione di Vivienne con Malcom McLaren, leader dei SexPistols. E proprio con Malcom apre il primo negozio in King’s Road nel 1971, il cui primo di molti nomi è “Let it rock”. Seguono nuove iniziative, in base ai cambiamenti stilistici di Vivienne, l’ultima è “World’s End” con il celebre orologio che gira al contrario. Nel 1967 Vivienne ha un secondo figlio, Joseph.

Vivienne Westwood, la signora del punk

Nei vorticosi anni ’70 riesce a esprimere il suo lato più provocatorio, contribuendo anche a creare il Punk. Il 1981 è l’anno del suo esordio a Londra, con la sfilata Pirate. Lo stile cambia, dalla moda di strada si trasforma integrando tecnica e tradizione, grazie anche al suo grande amore per l’arte e la storia, ispirandosi soprattutto al XVII e al XVIII secolo. Nella vita privata, Vivienne è altrettanto vulcanica: nel 1992 si sposa di nuovo con un suo studente, l’austriaco Andreas Kronthaler.
Altre passioni di Vivienne sono la musica e l’impegno politico. Nel 2005 crea a una collezione intitolata “I’m not a terrorist” in appoggio al movimento per la difesa dei diritti civili “Liberty”. Nello stesso anno viene insignita del titolo di Ufficiale dell’Impero Britannico, mentre nel 2006 viene nominata Dama di Commenda, un’altra altissima onorificenza dell’Impero.

Tra epoche passate e manga ultramoderni

Westwood è come una marea, che travolge gli argini con un poderoso amore per la vita. Questa joie de vivre trapela da tutte le sue creazioni, che non passano di certo inosservate.
Ha saccheggiato ogni epoca passata in cerca di ispirazione. Nell’abbigliamento Vivienne Westwood vengono reintrodotti, con lettura contemporanea, il corsetto e il faux-cul. Dominano i colori, lunghezze estreme, gli stampati con abbinamenti imprevedibili. I motivi scozzesi sono rivisitati in capi insospettabili come classici blazer. Ugualmente fantasiose, bizzarre e straripanti sono le borse Vivienne Westwood, dove ai già citati motivi scozzesi si alternano combinazioni di tessuti e colori particolari, per un effetto sempre sorprendente. Le scarpe Vivienne Westwood sono altrettanto esagerate, con tacchi altissimi, sagomati e plateau imponenti. La femminilità della Westwood è decisa, opulenta, da vera regina. Una donna protagonista della propria storia. Ulteriore notorietà gli arriva da una clamorosa iniziativa, quella di vestire con i suoi abiti alcune eroine manga, apparse nei celebri cartoni giapponesi, che diventano testimonial inattese di un successo strepitoso, che ha però anche molte altre consacrazioni nel mondo dello spettacolo: l’abito da sposa di Carrie Bradshow in Sex and the City è firmato Vivienne Westwood.

“Fashion fades, only style remains.”

Coco Chanel