Come possiamo aiutarti?

Contattaci: (040) 30 70 19 08
Siamo a tua disposizione lu-ve 9.30 – 18.00 .
Parliamo italiano, inglese e tedesco

Scrivici un messaggio
Service
100% controllo di autenticità
Contro le contraffazioni
Pagamento sicuro
Contattaci: (040) 30 70 19 08

Moda Theory usata in qualità autenticata

Theory di seconda mano

Gli stilisti Andrew Rosen e Elie Tahari fondano il marchio “Theory” nel dicembre del 1997 nella città di New York, disegnando moda maschile e femminile nel campo dell’abbigliamento e degli accessori di lusso, raggiungendo in pochi decenni uno straordinario successo globale col suo stile semplice e sofisticato. Scoprine di più sulla marca Theory >

Theory Seconda mano

Gift Cards

Gift Cards

Journal

Journal

Campaign

Campaign

Charity Shirt

Charity Shirt

Nascita ed evoluzione di Theory

Andrew Rosen, dopo esser stato espulso dall’Università di Miami, inizia la sua carriera nel mondo della moda all’età di 26 anni, gestendo l’azienda di suo padre, la Puritan Fashions Corporation, in seguito alla sua morte. Poco tempo dopo, Calvin Klein e Barry Schwartz acquistano la società e lasciano Rosen alle redini dell’attività come amministratore e successivamente come presidente per circa quattro anni. Lasciata tale posizione, passa sei anni come CEO presso la ditta di Anne Klein, ma viene licenziato per “controversie circa le strategie di marketing del brand”.
Nel 1997 lancia assieme allo stilista Elie Tahari a New York, debuttando con una collezione femminile, distintasi per i suoi pantaloni elasticizzati volti ad evidenziare la silhouette. Nel 1999, due anni dopo, aggiunge alla sua linea anche l’abbigliamento da uomo, ottenendo sempre più seguito, ricevendo le lodi del “Wall Street Journal”.
Nel 2000 vende la marca alla Fast Retailing di Tokyo, sotto la Link Holdings, dato il suo enorme seguito in Asia e soprattutto in Giappone, trattenendo un 11% delle quote. Nel 2006, Tahari denuncia il suo socio circa tale affare, portandolo ad uscire dalla scena ed esser sostituito da Olivier Theyskens, e a sua volta da Lisa Kulson.

Stile di Theory

La griffa è attenta alle esigenze di un cliente che vive in maniera frenetica, ma che comunque non ha intenzione di rinunciare alle tendenze nel contesto urbano in cui è calato. Intelligenti, cosmopoliti e esperti di moda, gli amanti del marchio, vedono in Theory, una filosofia, un’estetica, uno stile e un prodotto, dalle Theory giacche ai Theory vestiti sino ai più celebri pantaloni. Minimalismo e pura semplicità sono i protagonisti, e nonostante ciò, rappresentano le persone con lusso ed eleganza alla ricerca di precisione e di un carattere sofisticato.

Successi di Theory

Nel 2014 registra un fatturato di approssimativamente un miliardo di dollari, il cui 30% solo a New York
Alla fine di febbraio 2016 conta un totale di 489 negozi, tra franchising e vendita al dettaglio. Theory abbigliamento e Theory accessori

Curiosità

Nel 2016 collabora con il gigante Uniqlo, sotto lo slogan “Ingegneria giapponese, stile newyorkese”, proponendo magliette maschili in 4 stili differenti e ciascuno in 4 colori diversi,
ricevendo una risposta molto positiva per aver mantenuto la sua caratteristica filosofia minimale a un prezzo notevolmente basso.
Andrew Rosen per anni è stato giudice presso la CFDA Fashion Awards e mentore di molti dei suoi finalisti, facendo emergere nomi come Alice + Olivia, Rage and Bone e Proenza Schouler.

Ulteriori informazioni sul sito: http://www.theory.com

“Fashion fades, only style remains.”

Coco Chanel