100% controllo di autenticità
Contro le contraffazioni
Pagamento sicuro
Contattaci: (040) 30 70 19 08

Come possiamo aiutarti?

Contattaci: (040) 30 70 19 08
Siamo a tua disposizione lu-ve 9.30 – 18.00 .
Parliamo italiano, inglese e tedesco

Scrivici un messaggio
Service

Moda Lacoste usata in qualità autenticata

Lacoste di seconda mano

La tradizione sportiva del marchio Lacoste è universalmente nota, così come famosa è la qualità dei materiali, la comodità dell’abbigliamento e l’eleganza informale trasmessa da tutti gli articoli formato Lacoste: occhiali, scarpe, borse, accessori… una gamma completa per chi vuole essere sempre sportivo ed elegante. Scoprine di più sulla marca Lacoste >

Lacoste Seconda mano

René Lacoste, lo sport come anticamera della moda

Quando René Lacoste era uno dei celebri “moschettieri” della Francia anteguerra di Coppa Davis, lo stile era un elemento importante nel tennis: i giocatori dovevano osservare un’etichetta molto rigida non solo nel comportamento, ma anche nell’abbigliamento. Il bianco era l’unica colorazione ammessa, e non c’era spazio per gli abbellimenti. Lacoste non faceva certo eccezione. Nato a Parigi nel 1904, esordì giovanissimo, a 17 anni, nel circuito del grande tennis, avviandosi a una carriera straordinaria, arricchita da 10 titoli nei tornei che avrebbero poi fatto parte del cosiddetto Grande Slam. Accanto al valore tennistico, René dimostrò fin da subito una spiccata predilezione per l’eleganza e la bellezza in tutte le sue forme, moda compresa…

La nascita del “coccodrillo”

A dimostrazione che la moda era nel destino di Lacoste c’è l’aneddoto da lui stesso raccontato su come nacque il soprannome con il quale sarebbe stato conosciuto e che sarebbe poi diventato il simbolo del suo marchio di moda: nel 1926, durante un incontro di Coppa Davis, si ritrovava a passare ogni giorno di fronte a un negozio dove è esposta una borsa di coccodrillo che lo affascina al punto da farlo rimanere impalato davanti alla vetrina; il capitano della squadra gli promise allora che se avesse vinto tutti i suoi incontri, gliela avrebbe regalata. Da allora, il coccodrillo divenne il soprannome e l’animale portafortuna di Lacoste, che chiese all’amico Robert George di disegnare un logo a forma di coccodrillo da inserire nel suo blazer di rappresentanza. Nasceva così il marchio Lacoste, che presto sarebbe diventato sinonimo di abbigliamento sportivo e per il tempo libero ma al tempo stesso raffinato ed elegante.

La polo, la maglietta rivoluzionaria

Ritiratosi nel 1929, dopo l’ultimo trionfo al Roland Garros, Lacoste è pronto ad affrontare la sua nuova vita di stilista e imprenditore di enorme successo. Del resto, nel 1926 aveva già cominciato a gettare le basi di quella che sarebbe diventato il simbolo stesso della Lacoste: la maglietta Polo. L’idea di indossare una maglietta a maniche corte venne al tennista assistendo a una partita - appunto - di polo a Londra. Prodotta a livello industriale a partire dal 1933, bella e comoda, quella che diventerà nel tempo famosa come il modello L.12.12 aggiungeva alla grande praticità la cura per l’eleganza, come per esempio l’aggiunta di un particolare come il colletto a coste. La stessa cura e la stessa ricerca di un compromesso tra eleganza estetica ed eleganza funzionale si incontra nelle scarpe Lacoste, prodotte a partire dalla fine degli anni ’60. Un altro elemento caratterizzante dell’abbigliamento Lacoste è la grande attenzione al colore, che deve essere sgargiante e resistente al lavaggio, per mantenere la sua brillantezza il più a lungo possibile.

C’è una Lacoste per tutti

Nel tempo, il marchio Lacoste è cresciuto fino a comprendere tutte le espressioni della moda: all’abbigliamento si affiancano così le borse Lacoste, i profumi e gli accessori che completano la linea sportiva; per il pubblico più giovane, viene sviluppata una linea appositamente studiata, incentrata sui capi di abbigliamenti e sugli accessori Lacoste, come occhiali e orologi, che nel tempo sono diventati dei veri e propri status symbol. Anche la casa può essere firmata Lacoste, grazie alle lenzuola, agli asciugamani e agli accappatoi con il coccodrillo.

“Fashion fades, only style remains.”

Coco Chanel