100% controllo di autenticità
Contro le contraffazioni
Pagamento sicuro
Contattaci: (040) 30 70 19 08

Come possiamo aiutarti?

Contattaci: (040) 30 70 19 08
Siamo a tua disposizione lu-ve 9.30 – 18.00 .
Parliamo italiano, inglese e tedesco

Scrivici un messaggio
Service

Moda Hunter usata in qualità autenticata

Hunter di seconda mano

Nato come azienda dedita alla lavorazione della gomma per la produzione calzature in grado di proteggere i piedi dal freddo e dalle intemperie, il marchio Hunter propone oggi dei modelli di stivali, scarpe e giacche impermeabili che ci fanno apparire cool anche nei giorni di pioggia. Scoprine di più sulla marca Hunter >

Hunter Seconda mano

Hunter, mettere ai piedi un secolo e mezzo di storia

La storia del marchio Hunter risale al 1856, quando gli americani Henry Lee Norris e Spencer Thomas Parmelee arrivano in Scozia, decisi a utilizzare il brevetto di Charles Goodyear per la vulcanizzazione della gomma nella produzione di stivali e soprascarpe. Dopo avere installato la loro fabbrica nei pressi di Edimburgo e messo in funzione i due motori a vapore, cominciano subito la loro produzione. Lo scopo, all’inizio, era quello di offrire ai pionieri delle calzature che permettessero loro di affrontare le dure condizioni in cui si trovavano a vivere e lavorare. La società all’inizio, si chiama North British Rubber Company, e si occupa anche di produrre pneumatici per mezzi di trasporto e altri oggetti, comprese palle da golf. Nel 1914, allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, la produzione conosce inevitabilmente una crescita vertiginosa, a causa della necessità di rifornire i soldati impegnati nella guerra di trincea. In totale, saranno più di un milione le paia di stivali prodotte nel corso del conflitto. Lo stesso scenario si ripete nel 1939, allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Bisogna attendere gli anni ’50 perché finalmente le scarpe Hunter (nel frattempo il nome del marchio era cambiato), conquistino i clienti “civili”, convinti prima di tutto dalla praticità e dalla resistenza offerta dalle suole e dalla comodità della punta arrotondata.

Dal campo di guerra ai negozi

Nel 1956, arriva quello destinato a diventare lo stivale-icona di Hunter: il modello Original Green Wellington, destinato a diventare famoso anche come Original Boot, ancora oggi prodotto secondo il modello originale, che prevedeva l’assemblaggio di ben 28 parti diverse. Un altro modello destinato a rivelarsi un successo senza tempo è il Royal Hunter, che nei decenni che seguono, diventa lo stivale prediletto dalla media e alta borghesia rurale, ma successivamente vengono viste ai piedi di Lady Diana e, più recentemente Kate Moss. Gli anni ’00 vedono l’affermazione della linea di abbigliamento Hunter - sempre orientata a offrire comodità e protezione dalle intemperie, con stile e qualità - e la collaborazione con altre firme dell’alta moda per produrre nuove versioni dei suoi modelli più popolari, come quella con l’etichetta Jimmy Choo, i famosi Crocodile Hunter Boots.

“Fashion fades, only style remains.”

Coco Chanel