Come possiamo aiutarti?

Contattaci: (040) 30 70 19 08
Siamo a tua disposizione lu-ve 9.30 – 18.00 .
Parliamo italiano, inglese e tedesco

Scrivici un messaggio
Service
100% controllo di autenticità
Contro le contraffazioni
Pagamento sicuro
Contattaci: (040) 30 70 19 08

Articoli usati della categoria Gucci Scarpe in qualità autenticata

Gucci Scarpe di seconda mano

Gucci è una delle case storiche del lusso italiano, per la sua combinazione unica di audacia innovativa e leggendaria qualità e artigianalità italiana la annoverano tra i marchi più amati e celebri dell’intero panorama dell’alta moda. L’intera gamma di prodotti offre modelli classici e innovativi derivanti da collaborazioni con designer di successo. Scoprine di più sulla marca Gucci Scarpe >

Gucci Scarpe Seconda mano

Journal

Journal

Campaign

Campaign

Charity Shirt

Charity Shirt

Gucci

Nel 1921, Guccio Gucci a Firenze fonda una piccola azienda incentrata sulla vendita di articoli di pelletteria, che includevano anche borse da viaggio e articoli per l’equitazione. La sua esperienza lavorativa al Savoy Hotel di Londra lo mette in contatto con l’alta borghesia da cui trae ispirazione per la creazione del suo marchio. L’obiettivo era quello di fondere l’eleganza e il gusto britannico alla maestria manifatturiera Italiana e in particolare a quella Toscana. In pochi anni, il marchio ottiene un enorme successo che porta molti clienti di livello internazionale in vacanza a Firenze ad affollare le botteghe di Gucci alla ricerca di borse, scarpe e cinture uniche nel loro genere.

L’evoluzione del marchio

Gucci si espande grazie alla sua fama e nel 1938, insieme ai figli apre alcune boutique a Milano e a Roma. La fantasia e lo spirito innovativo di Gucci permette alla sua azienda di sopravvivere al periodo fascista grazie all’utilizzo di materiali innovativi come lino, canapa, juta e bambù. All’inizio degli anni 50’ nasce uno dei capisaldi del marchio, segno distintivo di Gucci scarpe il mocassino con il morsetto che entra a far parte della collezione dell'Istituto del Costume del Metropolitan Museum of Art di New York. A metà degli anni '60, Gucci adotta l’ormai riconosciutissimo logo delle due G incrociate. Nel 1994 l’entrata di Tom Ford come direttore creativo di Gucci riesce ad infondere audacia e provocazione nel marchio come i tacchi a spillo e gli abiti in jersey di seta con inserti a vista e dettagli in metallo diventano immediatamente icone dell'inconfondibile stile glamour di Ford. Nel 1995, Domenico De Sole viene nominato Amministratore Delegato e Gucci compie la grande trasformazione, Nell’ultimo decennio vengono ritrovate e rielaborate le icone caratteristiche della casa come il motivo Flora e la Borsa Bamboo.

Stato attuale del Brand

Nel 2006 Frida Giannini, viene nominata unico Direttore Creativo, grazie a lei Gucci comincia un processo incentrato sullo studio della ricca tradizione del marchio e allo sviluppo della incomparabile artigianalità della casa, questa nuova e unica visione, che unisce passato e presente, dà vita a collezioni uniche nel suo genere. Nel 2014 viene nominato come nuovo Direttore Creativo Alessandro Michele che viene consacrato con l’apertura del Fashion Week, la particolarità estetica unisce referenze storiche e contemporanee, prende ispirazione dall’architettura rinascimentale fino ad arrivare al punk rock, riprendendo paesaggi paradisiaci cinesi riprodotti su tappezzerie fino alle ultime tecnologie digitali.
Questa continua, ricerca di soluzioni tra passato e presente, rende il valore del marchio molto stabile, i prezzi delle scarpe che formano le collezioni passate non sentono il peso del tempo. Su REBELLE troverete Gucci abbigliamento e Gucci accessori di seconda mano che conservano a pieno il loro valore.

“Fashion fades, only style remains.”

Coco Chanel