100% controllo di autenticità
Contro le contraffazioni
Pagamento sicuro
Contattaci: (040) 30 70 19 08

Come possiamo aiutarti?

Contattaci: (040) 30 70 19 08
Siamo a tua disposizione lu-ve 9.30 – 18.00 .
Parliamo italiano, inglese e tedesco

Scrivici un messaggio
Service

Moda Gant usata in qualità autenticata

Gant di seconda mano

Indossare una camicia Gant significa sposare un’idea di eleganza raffinata da decenni di esperienza e di sapienza artigianale. La stessa qualità che si può ritrovare in tutti gli altri capi di abbigliamento firmati dalla maison, negli accessori e nelle scarpe. Scoprine di più sulla marca Gant >

Gant Seconda mano

Il sogno americano di Berl Gantmacher

Quando arrivò a New York, il 12 novembre 1917 (questa è la data riportata nei registri di Ellis Island) recano, Berl Gantmacher era un diciasettenne ebreo ucraino, figlio di un mugnaio di Miropol, desideroso di trovare il proprio posto nel mondo. Iscrittosi ai corsi serali della facoltà di farmacia, per guadagnarsi da vivere eseguiva lavori di finitura presso le botteghe del distretto tessile newyorkese, dove imparò un mestiere e incontrò quella che sarebbe diventata sua moglie, Rebecca Rose. Rebecca era una sarta specializzata nella cucitura di asole e bottoni. Una specializzazione che si sarebbe rivelata fondamentale per il loro futuro successo.

Le camicie Gant diventano l’emblema di uno stile

Berl, che nel frattempo aveva americanizzato il suo nome in Bernard, prese parte alla Prima Guerra Mondiale, quindi tornò a New York per fondare la sua prima società, la Par-Ex Shirt Company, dedita alla produzione di camicie di alta qualità per conto di altre aziende. Il successo fu immediato e l’attività si espanse, fino a spingere Gantmacher e il suo socio Morris Shapiro a trasferirsi in Connecticut, nella opulenta cittadina di New Haven, non lontano dalla sede della prestigiosa Università di Yale. Intanto, anche la famiglia di Berl si era allargata, con l’arrivo dei figli Marty ed Elliot, che dopo avere servito nell’esercito durante la Seconda Guerra Mondiale, si iscrissero all’università dove si guadagnarono rispettivamente una specializzazione in amministrazione d’impresa e una laurea in marketing, convinsero il padre che era arrivato il momento di fare il grande salto e diventare una vera e propria maison. Era il 1927, e di lì a poco le camicie Gant sarebbero diventate uno dei capi più rinomati del panorama della moda made in USA, anche grazie a un particolare caratteristico, quello del colletto attaccabile alla camicia tramite bottoni, un dettaglio non inedito ma che Gant elevò a elemento di distinzione, così come la grande “G” inscritta in un diamante stilizzato.

Gant oggi, eleganza a tutto campo

Il successo dell’abbigliamento Gant di oggi poggia sui due pilastri fondamentali che hanno formato la sua storia: la ricerca della massima qualità del prodotto finito, un imprinting derivata dallo spirito del fondatore del marchio, e la capacità di intercettare le tendenze sul nascere e soddisfarle con proposte sempre attuali e mirate, seguendo l’approccio di Marty ed Elliot, che nel 1955, alla morte di Bernard, avevano preso il comando dell’azienda di famiglia. Negli anni ’70 Gant aggiunse una linea sportiva e una sotto-etichetta, la Rugger, specializzata in maglieria, pantaloni e accessori. Negli anni ’80 a guadagnare la ribalta furono gli accessori Gant mentre a livello societario si registrò l’ingresso in scena della scandinava Pyramid Sportwear of Sweden, che negli anni successivi introdusse il marchio Gant nei mercati europei. Nel frattempo, infatti, alle sempre iconiche camicie si erano aggiunte intere collezioni per uomo, donna e bambino che comprendevano capi di maglieria, top, gonne, vestiti, giacche e giacconi. Le scarpe Gant arrivarono come la ciliegia sulla torta, completando così un’offerta a tutto campo.
Oggi, mantenendosi fedele alla propria tradizione di eleganza e attenzione ai desideri del proprio pubblico, la “Grande G” di Gant ha conquistato uomini e donne in tutto il mondo, comprese molti nomi noti, come Bradley Cooper, Kristen Stewart, Miranda Kerr e Anne Hathaway, icone a loro volta di stile e fascino.

“Fashion fades, only style remains.”

Coco Chanel