Come possiamo aiutarti?

Contattaci: (040) 30 70 19 08
Siamo a tua disposizione lu-ve 9.30 – 18.00 .
Parliamo italiano, inglese e tedesco

Scrivici un messaggio
Service
100% controllo di autenticità
Contro le contraffazioni
Pagamento sicuro
Contattaci: (040) 30 70 19 08

Articoli usati della categoria Chanel Capi in maglia in qualità autenticata

Chanel Capi in maglia di seconda mano

Gabrielle Bonheur Chanel, nota con lo pseudonimo di Coco, fondatrice del marchio più desiderato e amato dalle donne di tutto il mondo. Anticonformista e rivoluzionaria si è consolidata nella storia della moda dei suoi anni-e non solo-imponendosi come figura nel fashion system con l’autenticità delle sue creazioni.
Nonostante i traguardi, la giovane Coco ha dovuto affrontare innumerevoli difficoltà. Scoprine di più sulla marca Chanel Capi in maglia >

Chanel Capi in maglia Seconda mano

Journal

Journal

Campaign

Campaign

Charity Shirt

Charity Shirt

Gabrielle Chanel: Coco

Classe 1889, Gabrielle Chanel, nota come Coco, in seguito alla morte dalla madre fu con le sorelle affidata all’orfanotrofio di Aubazine. Compiuti diciotto anni, iniziò a lavorare presso la bottega Maison Grampayne dove apprese le nozioni dell’arte del cucito. Si dedicò in quegli anni anche alla carriera come cantante, esibendosi al caffè-concerto, dove qui fece la conoscenza del suo primo amore, nonché finanziatore, Etienne de Balsan, il quale le affidò il grazioso e affettuoso nomignolo Coco, sentendola cantare “Qui qu’a vu Coco’’ permettendogli di vendere le sue prime creazioni, all’ora Chanel cappelli nel suo appartamento.
La svolta per Chanel però avvenne con l’incontro de suo primo grande amante, Arthur “Boy’’ Capel, industriale di fame che le permetterà di aprire i suoi primi due negozi dove Coco proporrà principalmente Chanel abbigliamento

La regina del genre pauvre

Al termine della prima guerra mondiale, Chanel, attraverso la moda crea la figura di una nuova donna: dinamica, lavoratrice e non più schiava dell’abbigliamento opprimente della Belle Epoque.
Fu definita la regina del genre pauvre, ovvero, di una “povertà di lusso". Liberò le donne dai corsetti e dalle balze e reinterpretando l’abbigliamento maschile, donò loro Chanel completi comodi e semplici. Gli anni dal 1913 al 1930 furono caratterizzati da gonne sotto il ginocchio, dai pantaloni femminili, dallo stile alla marinara e dal jersey che venne impiegato per le prime creazioni di Chanel capi in maglia

Un mito del fashion senza tempo

“La moda cambia lo stile resta’’ è una delle più celebri frasi della Mademoiselle Chanel, che grazie alla sua unicità non smette ancora oggi di essere il marchio più desiderato. Dal little black dress fino alla nota Chanel borsa 2.55, lo stile di questo noto marchio resta nel tempo alla ribalta nel fashion. Indimenticabile il
tailleur in tweed composto dalla triade giacca, gonna e camicetta coordinata. Ciò che resta non è solo lo stile ma anche il profumo della felicità di Coco che prende il nome di Chanel n 5, il suo nome deriva dalla nascita della sua creazione, ovvero, Febbraio 1955.

Il testimone dell’impero: Karl Lagerfeld

Karl Lagerfeld è oggi Direttore Artistico del marchio, nonché stilista di tutte le collezioni di Chanel accessori Alta Moda e Prêt-à-Porter.
Ha compiuto un restyling nel campo Chanel borse, modificando la chiusura della 2.55, dal ‘’Mademoiselle lock" alla chiusura a doppia C, chiamata “Double C lock" diventato marchio distintivo della maison.

Ulteriori informazioni su Chanel alla pagina:

www.chanel.com

“Fashion fades, only style remains.”

Coco Chanel