100% controllo di autenticità
Contro le contraffazioni
Pagamento sicuro
Contattaci: (040) 30 70 19 08

Come possiamo aiutarti?

Contattaci: (040) 30 70 19 08
Siamo a tua disposizione lu-ve 9.30 – 18.00 .
Parliamo italiano, inglese e tedesco

Scrivici un messaggio
Service

Moda Bally usata in qualità autenticata

Bally di seconda mano

Oltre 160 anni di tradizione e di esperienza fanno di Bally un marchio di eccellenza nel campo della pelletteria e soprattutto un sinonimo di scarpe d’alta moda, belle da vedere e comode da indossare. La stessa qualità che ritroviamo nei vestiti, nelle borse e negli accessori. Scoprine di più sulla marca Bally >

Bally Seconda mano

La moda firmata Bally è autenticata da REBELLE

Bally - In principio erano le scarpe

1851: nella piccola Schönenwerd, in Svizzera, Carl Franz Belly fonda la sua azienda, con l’intenzione di creare calzature lavorando la pelle con le nuove tecnologie che in quell’epoca stavano rivoluzionando il settore manifatturiero. Un secolo e mezzo dopo, le scarpe Bally sono diventate sinonimo di calzature di qualità, capaci di offrire comfort ed eleganza, mentre il marchio e oggi conosciuto e apprezzato anche per i suoi vestiti, le borse gli accessori.

Qualità artigianale e modernità al servizio della calzatura

Meno di dieci anni dopo l’inizio dell’attività, l’azienda conta già 500 operai, e Schönenwerd si è trasformata in una vera e propria cittadella aziendale, destinata a crescere sempre di più mentre dagli Stati Uniti arrivano i macchinari più moderni: la sfida era quella di mantenere la qualità del lavoro artigianale con l’efficienza della produzione industriale. Anche se leggenda vuole che Carl Franz abbia deciso di aprire un calzaturificio dopo avere visitato uno stabilimento parigino per acquistate un paio di stivaletti con lacci per la moglie, i primi destinatari sono gli uomini che devono affrontare lunghe giornate di lavoro, anche nei campi. Oggi, le scarpe Bally sono diventate le calzature che si vedono ai piedi di star come Robert Downey Jr e Kristen Stewart, che si dicono entusiasti sia della loro comodità che della loro eleganza, un binomio decisamente vincente, quando si tratta di scarpe.

L’evoluzione di un marchio

Tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80 del XIX secolo Bally inizia ad aprire i suoi negozi nelle principali capitali europee e all’apertura del XX secolo è ormai diventata una multinazionale con sedi in tutto il mondo e una produzione annua di oltre quattro milioni di paia di scarpe. Addirittura, negli anni ’30 viene filmato uno spot pubblicitario, che vede come testimonial nientemeno che il grande Charlie Chaplin. Nel 1976, vengono lanciate le collezioni di vestiti, borse e accessori, maschili e femminili, dove viene applicata la stessa attenzione per la qualità dei materiali e della lavorazione tipica della filosofia del marchio. Non è un caso che nel 2015 il prestigioso atelier di pelletteria milanese Zagliani sia entrato a fare parte del gruppo: la cura della lavorazione della pelle che l’ha reso celebre si integra alla perfezione con quella che caratterizza le borse Bally. Oggi, elementi come la classica striscia trainspotting e il modo esclusivo di impiegare la pelle traforata sono diventati iconici, un vero e proprio marchio di fabbrica per scarpe, borse e accessori. L’arrivo dello stilista Pablo Coppola, nel 2015, coincide con una nuova sfida, a tutto campo: rivolgersi sempre di più a un pubblico di “real people” persone normali, offrendo loro sempre il massimo della qualità e dell’eleganza, a partire dalle nuove linee di abbigliamento Bally.

“Fashion fades, only style remains.”

Coco Chanel