Come possiamo aiutarti?

Contattaci: (040) 30 70 19 08
Siamo a tua disposizione lu-ve 9.30 – 18.00 .
Parliamo italiano, inglese e tedesco

Scrivici un messaggio
Service
100% controllo di autenticità
Contro le contraffazioni
Pagamento sicuro

Moda Antik Batik usata in qualità autenticata

Antik Batik di seconda mano

La moda firmata Antik Batik è ricca di rimandi all’arte e alla moda dei primi decenni del XX secolo, di suggestioni orientaleggianti e di slanci hippy che sposano un’attitudine chic per offrire soluzioni adatte ai gusti delle donne moderne che amano le atmosfere dell’eleganza passata. Scoprine di più sulla marca Antik Batik >

Antik Batik Seconda mano

Gift Cards

Gift Cards

Journal

Journal

Campaign

Campaign

Charity Shirt

Charity Shirt

Batik Antik, esotismo e raffinatezza

La storia di Antik batik inizia ufficialmente nel 1992, quando Gabriella Cortese, classe 1965, torinese di nascita ma parigina di adozione e di elezione, lancia la sua etichetta personale; in realtà, però, il suo stile e la sua idea di moda sono già ben chiare, nutrite dai suoi tanti viaggi in giro per il mondo. E le influenze dei suoi soggiorni orientali saranno subito presenti, sotto forma di stampe di motivi indonesiani, tuniche di foggia asiatica e gellaba, le comode tuniche indossate dagli abitanti del deserto. Del resto, lo stesso termine “batik” è una vera dichiarazione di intenti: si riferisce infatti a una tecnica di colorazione dei tessuti di derivazione giavanese, che prevede la copertura delle zone che non devono essere colorate con cera liquida: la stessa tecnica che Gabriella ha utilizzato per creare la sua prima collezione di parei. Così come del resto “Antik”, oltre ad aggiungere musicalità al nome del marchio, richiama il fascino delle epoche passate: quando una donna indossa un capo di abbigliamento Antik Batik, infatti, “potrebbe trovarsi negli anni ’20, ’30, ‘40”.

L’ispirazione arriva dappertutto

In qualche modo, la moda ha sempre fatto parte della vita di Gabriella, fin da bambina: sua nonna, ungherese, le insegnava l’arte del ricamo, mentre sua madre era, a suo dire, l’incarnazione stessa dell’eleganza. Innamoratasi della vita notturna parigina, si trasferisce nella capitale francese e lì, grazie ai suoi studi di danza classica, entra nel corpo di ballo del Crazy Horse. “Vengono da lì la mia attenzione alle trasparenze e la passione per le mousseline e le sete stampate”, ha rivelato poi in un’intervista.

Viaggiamo nel tempo con Batik Antik

A volte, quando si ammira uno dei vestiti Batik Antik, si può provare l’impressione di fare un viaggio nel tempo: in alcuni casi, si scorgono echi dell’Art Nouveau, o stile Liberty che dir si voglia di inizio secolo; in altri, possiamo riconoscere nelle stampe motivi geometrici e floreali derivati dall’avanguardia russa; l’ispirazione risale fino agli anni ’60, con richiami al fascino femminile incarnato da icone dell’epoca come Talitha Getty e Marisa Berenson. Versatile e ricca di spunti, la moda firmata Batik Antik permette alle donne di esprimere sé stesse in maniera sensuale e sofisticata, aderendo a uno stile “bohemien-chic”, anche se qualcuno preferisce definirlo “hippie-chic”. Uno stile che nel tempo ha conquistato e continua a conquistare giovani celebrità come Vanessa Paradis, Gwen Stefani, Kate Moss, ma anche donne affermate e impegnate in ruoli pubblici come Ségolène Royal e Carla Bruni. 

Attenzione ai particolari

“Amo le paillettes metalliche rivestite dalla patina. Una volta che si sono ossidate, sembrano essere state tramandate attraverso i secoli”. Con questa frase, Gabriella Cortese spiega la sua attenzione per quei piccoli particolari che rendono una sua creazione così particolare: i suoi modelli più raffinati possono richiedere anche diversi giorni di lavoro. Tale attenzione per la qualità si ravvisa anche nelle borse e negli accessori Batik Antik, dalle sciarpe, ai foulard, passando per i cappelli.

“Fashion fades, only style remains.”

Coco Chanel