100% Echtheitsprüfung
NULL Toleranz bei Plagiaten
Sichere Bezahlung
Hotline: (040) 30 70 19 08

Wie können wir Dir helfen?

Hotline: (040) 30 70 19 08
Wir sind Mo. - Fr. 9:30 – 18:00 Uhr für Dich da.

Schreibe uns jetzt eine Nachricht
Service

Gebrauchte Aigle Mode in geprüfter Qualität

Aigle Second Hand

Proteggere dalla pioggia e dagli elementi: ecco la missione di Aigle, portata a termine uno stile unico e subito riconoscibile. dagli stivali in gomma ai cappotti, dalle giacche agli eskimo, Aigle offre eleganza, comodità e, naturalmente, protezione! Mehr über Aigle erfahren >

Aigle Second Hand

La moda firmata Aigle è autenticata da REBELLE

Aigle - In principio erano gli stivali…

È il 1853 quando Hiram Hutchinson, un americano trasferitosi in Francia, crea il marchio L’Aigle, un nome che richiamava l’aquila, il simbolo della sua madre patria. Qualche anno prima, Charles aveva ottenuto il brevetto di vulcanizzatore nientemeno che da Charles Goodyear, ed era diventato un maestro riconosciuto nell’arte di trattare la gomma. Invece che di pneumatici, però, Hiram decide di dedicarsi agli stivali e all’abbigliamento. All’inizio, la società si chiamava “La Compagnie du Caoutchouc Souple” (La Società della gomma flessibile) e produceva scarpe, stivali e vestiti impermeabili.

Anni ‘20 - Aigle trasforma la gomma in moda

Studiati per essere funzionali e pratici, nella Francia del primo dopoguerra i prodotti proposti cominciarono a venire sempre più apprezzati anche per la loro qualità e la loro eleganza. Prima, infatti, la grande “A” era un marchio ben conosciuto soprattutto tra chi viveva fuori città e doveva spesso affrontare le intemperie: contadini, cacciatori, pescatori… Adesso, però, anche chi viveva in città dimostrava di apprezzare le nuove creazioni: in particolare, erano soprattutto le scarpe Aigle, prodotte in gomma e tela, a riscuotere i favori dei cittadini, che le utilizzavano soprattutto nel loro tempo libero e quando praticavano attività sportive.

La moda per lo sport

E lo sport continuò a essere un settore dove le creazioni Aigle si distinguono, anche nel secondo dopoguerra: le scarpe da ginnastica, anche quelle per bambini, diventarono tra gli articoli del settore più venduti in Francia, e nel corso degli anni ’50 la fabbrica impiegava oltre 1.800 operai per produrre oltre 30.000 paia di scarpe al giorno, e alla fine degli anni ’60 la produzione annuale toccò la vertiginosa cifra di 10 milioni di paia!

Non solo scarpe

Nel 1973, Aigle fece il proprio ingresso nel mondo dell’abbigliamento equestre, forte della sua nuova invenzione, una gomma estremamente flessibile che assomigliava al cuoio e che permetteva applicazioni fino a quel momento impensabili. Intanto, l’anno precedente, in occasione delle Olimpiadi di Monaco, erano stati lanciati i celebri stivali blu con le due strisce bianche, che divennero il modello classico indossato dai marinai. Dopo le calzature, arrivò il momento dell’abbigliamento: nel 1989 si assistette al lancio della prima collezione di abbligiamento Aigle di tessuto, una mossa che nei primi anni ’90 aprirà le porte del mercato statunitense e di quello giapponese. Ancora oggi, lo stile propoesto continua a offrire una sintesi vincente tra la comodità e la praticità dell’abbigliamento ideale per le attività all’aria aperta con un gusto e un taglio che ben si adatta alla vita di città. Capi come la giacca Copeland, lanciata nel 1996, sono diventati dei veri classici. Nel 2005, l’azienda è entrata a far parte del gruppo svizzero Maus Frères.

“Fashion fades, only style remains.”

Coco Chanel